Scoprire la meditazione e il silenzio per non esser sordo all’ascolto dell’altro

Condividi

In un mondo dominato da una comunicazione rapida e incalzante, hanno ancora senso la preghiera e la lettura della parola di Dio? È l’interrogativo che sta alla base del nuovo libro di Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio. Il volume si intitola La preghiera, la parola, il volto (San Paolo) e racchiude un vero e proprio percorso alla scoperta della meditazione e del silenzio nel mondo globale, in cui l’uomo è perennemente connesso ma molto spesso sordo all’ascolto dell’altro.

Quello che apparentemente può, infatti, sembrare un tema anacronistico viene invece sviluppato da Riccardi con la consapevolezza dello scenario attuale in cui il credente, ma anche il non credente, è chiamato quotidianamente a confrontarsi con le grandi domande sul senso dell’esistenza umana.

Tutto parte da un incontro molto semplice, ma assai determinante. “In una casa di riposo, – scrive Riccardi – una donna anziana, malata in modo grave, un giorno mi ha detto con espressione sconsolata: ‘Io non so pregare. So solo tre preghiere… ma ho bisogno di pregare e di essere aiutata da Dio’. Sono rimasto colpito dalla spontaneità dolorosa di quelle parole. Mi è tornata alla mente la richiesta dei discepoli a Gesù: ‘Signore, insegnaci a pregare’. C’è una grande domanda tra gli uomini e le donne del nostro tempo: trovare le parole e la maniera di pregare. Eppure nella vita, la gente prova fatica a pregare e si sente spesso come di fronte a un grande silenzio”.

Un’esperienza che, come è noto, dovette affrontare anche la grande santa dei poveri, madre Teresa di Calcutta. Ma non solo. Essa, infatti, ritorna in diverse biografie dei santi. “Questo silenzio, il silenzio di Dio – scrive Riccardi – mette in risalto il balbettio della preghiera che sembra troppo elementare e soprattutto incapace di raggiungere il Signore. Una preghiera povera s’incontra con quella che appare come un’incombente mancanza di risposte da parte del Signore. È indifferenza all’invocazione? Assenza? Qual è il significato?”.
(Continua a leggere su IlFattoquotidiano.it)

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *